Un bacio lungo un’eternità


L’ommini de sto Monno sò ll’istesso
che vvaghi de caffè nner mascinino:
c’uno prima, uno doppo, e un antro appresso,
tutti cuanti però vvanno a un distino.

Giuseppe Gioachino Belli, Er caffettiere fisolofo, 1833, in Sonetti, 1830/49

Il mondo intero oggi è in subbuglio! Star dello spettacolo, fan e, persino il tuo vicino, piangono, criticano, si dispiacciono, insultano, lapidano!
L’attore Cory Monteith, 31 anni, è morto!
Forse alcuni di voi non lo conoscono; chi invece, come me, è un serie-dipendente, sa che vestiva i panni di Finn Hudson in Glee. L’attore é stato ritrovato in un hotel di Vancouver, ieri ad ora di pranzo; sebbene non siata stata ufficializzata la causa del decesso, sembra fosse solo, e siccome era risaputo avesse problemi di droga ed alcol, ipotizzano possa essere stata una overdose.
L’attore era molto amato tra i fan, e a rendere ancora più tragica e criticata la morte, oltre alla giovane età di Cory, sembra che dovesse convolare a nozze con la collega di Glee, Lea Michele (Rachel Berry).
Le storie dei film, come delle serie tv, ci appassionano, ci coinvolgono, ci fanno arrabbiare, ci fanno commuovere (o piangere a dirotto nel mio caso con Brokeback Mountain) e ci fanno ridere! Ci ritroviamo ad un certo punto a tifare per una coppia di amori o voler sconfitto il cattivo di turno. Ed ecco perché, quando un attore, un personaggio famoso, muore (prematuramente o non) ci rattristiamo. Beh, in realtà io mi dispiaccio solo, ma sono sempre stata un po’ dura.
Il motivo, però, che mi ha portato a scrivere di quest’accaduto è legato alla reazione del famoso mondo del web. Sono rimasta sorpresa dalle molteplici e spesso completamente opposte reazioni: ci sono quelli che lo piangono e ci sono quelli che insultano! Si, insultano! E questo lo trovo un po’ sconcertante!
La verità è che se la vita fosse bianca o nera, non avremmo tragedie o miracoli! Il suicidio, volontario o poco meno, in caso di droghe, è un atto di debolezza e profondo egoismo. Ma purtroppo, non tutti siamo uguali, non tutti siamo forti, non tutti siamo felici, non tutti siamo in grado di farci bastare le piccole bellezze della vita per continuare ad andare avanti, a volte la tristezza prende il sopravvento. La profonda depressione, una dipendenza da droghe o alcol, portano ad atti sconsiderati, e per questo tipo di persone, l’avere soldi, essere conosciuti, avere magari anche una o due persone che li amano, non da forza, anzi a volta la toglie totalmente. Una morte è sempre una cosa triste, soprattutto a 31 anni. Speculazioni su se sia giusto o sbagliato sono assolutamente inutili e futili, perché nessuno potrà mai capire i reali motivi del gesto.
Alcuni hanno scritto “ma aveva pure un sacco di soldi, aiutano la felicità. che gli mancava?”. Un po’ di soldi, è vero, aiutano la felicità, troppi soldi no. Ricordo ancora un’intervista, il manager/responsabile, quel che era, di Michael Jackson, riportava una richiesta di Michael: “Assumi per me delle persone che mi deruberanno il meno possibile. So che tutti mi fanno questo, ma che almeno siano più onesti possibile.”

Vorrei concludere con una poesia cara alla mia tradizione, la napoletana. Forse non è appropriata, o forse se la stessa comprensione, senza giudizio, l’avessero i vivi per se stessi e per gli altri, ci sarebbero meno scontri e meno insulti.

Ogn’anno,il due novembre,c’é l’usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll’adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn’anno,puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch’io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.

St’anno m’é capitato ‘navventura…
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo,e che paura!,
ma po’ facette un’anema e curaggio.

‘O fatto è chisto,statemi a sentire:
s’avvicinava ll’ora d’à chiusura:
io,tomo tomo,stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

“Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l’11 maggio del’31”

‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto…
…sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;
tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore
nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella,
abbandunata,senza manco un fiore;
pe’ segno,sulamente ‘na crucella.

E ncoppa ‘a croce appena se liggeva:
“Esposito Gennaro – netturbino”:
guardannola,che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo…
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s’aspettava
ca pur all’atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s’era ggià fatta quase mezanotte,
e i’rimanette ‘nchiuso priggiuniero,
muorto ‘e paura…nnanze ‘e cannelotte.

Tutto a ‘nu tratto,che veco ‘a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano…
Stongo scetato…dormo,o è fantasia?

Ate che fantasia;era ‘o Marchese:
c’o’ tubbo,’a caramella e c’o’ pastrano;
chill’ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu ‘nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro…
‘omuorto puveriello…’o scupatore.
‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
so’ muorte e se ritirano a chest’ora?

Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,
quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,
s’avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:”Giovanotto!

Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d’uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente”

“Signor Marchese,nun è colpa mia,
i’nun v’avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria,
i’ che putevo fa’ si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse
e proprio mo,obbj’…’nd’a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n’ata fossa”.

“E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!”

“Famme vedé..-piglia sta violenza…
‘A verità,Marché,mme so’ scucciato
‘e te senti;e si perdo ‘a pacienza,
mme scordo ca so’ muorto e so mazzate!…

Ma chi te cride d’essere…nu ddio?
Ccà dinto,’o vvuo capi,ca simmo eguale?…
…Muorto si’tu e muorto so’ pur’io;
ognuno comme a ‘na’ato é tale e quale”.

“Lurido porco!…Come ti permetti
paragonarti a me ch’ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?”.

“Tu qua’ Natale…Pasca e Ppifania!!!
T”o vvuo’ mettere ‘ncapo…’int’a cervella
che staje malato ancora e’ fantasia?…
‘A morte ‘o ssaje ched”e?…è una livella.

‘Nu rre,’nu maggistrato,’nu grand’ommo,
trasenno stu canciello ha fatt’o punto
c’ha perzo tutto,’a vita e pure ‘o nomme:
tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,stamme a ssenti…nun fa”o restivo,
suppuorteme vicino-che te ‘mporta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
nuje simmo serie…appartenimmo à morte!”

‘A livella by Antonio De Curtis – Totò

Fonte: guardian.co.uk

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...