Mare … profumo di mare … voglia di …


rilassarsi a mare

Mercoledì 15 Ferragosto, come tutti i poveracci che sono rimasti a casa invece di andarsene alle Mauritius, mi sono organizzata con alcuni amici per andare a mare… non mi dilungherò sulla giornata che è trascorsa piacevole ed abbronzata … al momento del ritorno a casa, andiamo a prendere l’auto e toh, eccolo …piccolo foglio rettangolare giallognolo … è proprio lei, la multa. beh, effettivamente non c’erano le strisce, ma del resto o parcheggiavamo lì o ci toccava fare 2-3 km a piedi, che dopo una giornata passata con le ciappette in acqua a giocare a pallavolo e spaparanzati ad essiccarci al sole uso pomodori, è come scalare l’Everest a mani nude. se non mi sono spiegata!
Ed allora ho pensato al vigile urbano, proprio a questa entità soprannaturale (non del tipo Superman, ma più Venom) ed al fatto che, come dice la grande Littizzetto, arrivati ad un certo punto della loro vita hanno la chiamata e decidono che possiedono tutte le caratteristiche per fare il vigile urbano.
Da dove vogliamo iniziare? ho sempre “odiato” i vigili urbani, questi esseri che messi in un incrocio sono capaci di intasarlo come un’intestino dopo il cenone di natale, gesticolando con nonchalance e facendo roteare la paletta come solo loro ed i giocolieri sanno fare (ed è inutile cercare di scavare nei meandri della memoria per ricordare le lezioni di scuola guida… non c’è niente da fare, non esistono ufficialmente!). Che poi non è neanche un bel lavoro! cioè, questi poveracci, il 15 di agosto e con precisione alle 13:30, incazzati neri perchè loro, con il secchiello da champagne sulla capoccia e nella divisona mentre noi beati in costume rinfreschiamo le reali ciappette, sono lì a sudare neanche stessero in un bagno turco e sfogano la loro vocazione (sadica) della punizione facendo multe. Ma ragioniamo sulle multe … perchè dare le percentuali sul numero di multe effettuate!? perchè fomentare l’innato desiderio di punire e castigare tutti quei poverini che oramai con il nervo sciatico ci convivono e non si fidano neanche più di scendere due rampe di scale per prendere la posta nella cassetta!? e poi, ma ditemi voi dove si trova un parcheggio nella maggior parte delle città italiane senza dover accendere un mutuo, sempre se vi sia posto disponibile!? Già parcheggiare è un’impresa titanica di per se anche quando non c’è divieto di sosta: capita sempre che messi in posizione con tanto di freccia che lampeggia manco fosse l’insegna di un casinò che … peeee… il coglione di turno ti si attacca dietro ed inizia a bussare … ma porca miseria, mica ho deciso di provare l’impianto elettrico dell’auto!? … e lui peeee …. scusa puoi farti più dietro, ma nulla da fare, ecco l’ingorgo e dobbiamo allora desistere e provare al prossimo giro di giostra…prossima corsa, prosismo giro … eccolo, è proprio libero, unico posto (beh, posto è un parolone, è più appropiato unico buco libero tra le auto parcheggiate a spina di pesce ed orizzontale…. contigue ovviamente … e cioè un pò a caz* di cane 😀 )… nuovamente in posizione, freccia accesa, ci voltiamo per due nanosecondi per inserire la retromarcia quando…. zacc …. l’uomo di neanderthal si mena col suo fuoristrada. ora, non esiste più il bonton … ci si dimentica anche di essere donna (nel mio caso e delle donnine come me) e presi dai turchi (onnipresenti) si inizia a sfogliare tutto il vocabolario arricchito in tanti anni a partire dagli insulti delle elementari, come mannaggiaabubbà, passando per chella zom* e terminare in un exploit di finizza essendo già pronti alle mani …e sperando e desiderando nella presenza di un vigile, che quando serve non c’è mai, proprio come l’idraulico… terminata la ricerca di ormai un’oretta buona, che se eri di ritorno dalla spesa oramai anche capitan findus era sceso dalla scatola ed aveva iniziato a salire le scale per avvantaggiarsi, ti godi il tuo attimo di gloria e scopri che hai dimenticato di comprare il pane.. no scherzo… hai voglia di non mangiarlo per tutto il giorno, tanto ci teniamo tutti alla linea! 😉

Annunci

4 pensieri su “Mare … profumo di mare … voglia di …

  1. Condivido … anche perchè la mia prima multa l ho presa perchè ho voluto portar fuori da un incrocio la pelle viva e non ho rispettato le strisce per terra … ma per il viglie io ho sbagliato ovviamente 😦

    Mi spiace tanto per la multa … non è mai bello 😦

    però vedo che ti sei divertita al mare … 🙂

    Molto carino anche il tuo blog…passerò a trovarti ancora se non ti secca 🙂

  2. ciao innovatel!

    beh, capitano le multe in questo mare caotico! 😛

    si si, mi sono divertita molto grazie! ma vedo che anche tu non sei andato alle Mauritius, o sei di ritorno?

    e ancora grazie, sono contenta che ti piaccia il mio blog e, anzi, spero che continuerai a leggere i miei articoli e a commentare! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...